Moda femminile nell’antica Grecia [Terza parte]

Scritti degli accenni sulla moda femminile nell’antica Grecia, proseguiamo con la terza parte dedicata all’ affascinante popolo greco.

Moda femminile nell'antica Grecia

Pochissime notizie sono giunte relative all’utilizzo di biancheria intima nella Grecia antica. Si sa per certo che le donne utilizzassero una fascia di tessuto a mo’ di reggiseno, chiamata stròphion. In alcune fonti spesso esso è indicato anche con i nomi di tainìa o di mìtra, molto probabilmente a seconda della forma e della grandezza dell’indumento.

Bisso di Taranto

Bisso di Taranto

Quanto al materiale più utilizzato nella tessitura dei capi di abbigliamento la lana vinceva sugli altri tessuti. Dopo le campagne d’oriente ed attraverso Alessandro Magno giunsero in Grecia stoffe più esotiche e costose quali cotone e seta; si diffuse così una moda più sofisticata arricchita da tessuti leggeri e ricami e vennero introdotti altri colori come l’oro, il rosa ciclamino ed il verde pastello. La coltivazione del lino però negli anni fu abbandonata e ripresa soltanto molti secoli dopo. Per i vestiti più costosi e raffinati era impiegato il bisso.

I colori maggiormente presenti nell’abbigliamento erano, ovviamente, il bianco naturale dei tessuti, ma anche alcune colorazioni naturali come il giallo o il turchese. Meno comune era il rosso, in quanto la tecnica di colorazione impiegata, prevedeva l’utilizzo della porpora, e rendeva notevolmente più alti i costi di produzione. Tuttavia il rosso era il colore che veniva indossato dalle etere e dai ballerini, quindi, in ogni caso era ben poco diffuso.

Scarpe nell'antica greciaLe calzature erano costose, e in casa si girava scalzi, ma uscire senza calzari era considerato un gesto che offendeva il buon gusto e la morale pertanto andavano scalzi solo gli schiavi e quanti portavano il lutto.

Principale, e diffusissimo, modello di calzature greche erano i pedῖlon, una primitiva forma di sandali, costituita da un plantare di cuoio, ritagliato sulla forma del piede, a cui era assicurato tramite una serie di fasce che arrivavano sino al collo del piede. Tale calzatura si evolse nei sandάlia, più elaborati e resistenti, che nelle varianti femminili potevano persino essere colorati; erano costituiti da un pezzo di legno non lavorato, senza tacco, con legacci che passando intorno all’alluce arrivavano fino al collo del piede e venivano annodati alla caviglia o al polpaccio.

Scarpe nell'antica Grecia
Le calzature erano un indice di ricchezza. C’erano raffinati sandali bianchi o tinti di rosso, dorati o ricamati, ornati di perle e altre pietre preziose. Eleganti e pratiche erano le calzature babilonesi dalla punta rivolta all’insù, che proteggevano più efficacemente le dita dei piedi nelle regioni montuose. L’alto, rozzo calzare ricco di stringhe veniva detto pero. Il nome dell’imperatore Caligola veniva dagli stivali chiodati e semiaperti dei soldati romani, i caliga. I benestanti portavano infine il colceus di morbido cuoio rosso che arrivava fino agli stinchi.

Tipica scarpa femminile per le occasioni particolarmente formali, come cerimonie e matrimoni, era il diάbaqron, impreziosita da applicazioni in metalli. Le costosissime baucides erano invece le tipiche calzature delle etere, la cui caratteristica era di aumentare notevolmente l’altezza dell’indossatore, stessa caratteristica che contraddistingueva i coturni (kόqornoς), gli altissimi stivaletti indossati dagli attori tragici.

Scopri la moda femminile nell’antica Roma e nell’antico Egitto! Potrebbero interessarti anche:
Le dee greche del XXI secolo
La moda femminile nell’Impero bizantino

FONTI DELLE IMMAGINI:
http://www.famedisud.it/storia-del-leggendario-bisso-di-taranto-la-seta-marina-che-vesti-imperatori-regine-e-sacerdoti/
http://digilander.libero.it/andromacadgl2/abbigliamento.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Abbigliamento_nell%27antica_Grecia
http://notizieinvetrina.it/2014/03/abbigliamento-nell-antica-grecia-e-nell-antica-creta-come-si-vestivano-i-greci.html

di Monia De Tommaso

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...