Moda femminile nell’impero bizantino [Prima parte]

scultura-greco-romana-rappresentante-una-tunicaCostantinopoli, capitale dell’Impero romano d’Oriente, aveva una corte imperiale nota per gli ornamenti delle sale, gli abiti e i gioielli indossati dall’imperatore e dall’imperatrice. Pregiate sete, ori, pietre lucenti, divennero ben presto un’inesauribile ispirazione per il mondo della moda.
Con “Impero bizantino” gli studiosi hanno indicato l’Impero romano d’Oriente di cultura prevalentemente greca, separatosi dalla parte occidentale di cultura latina (dopo la morte di Teodosio I nel 395); tuttavia queste due culture non influenzarono l’abbigliamento bizantino per molto tempo.

La moda nell’impero bizantino (lanciata dall’imperatore in persona), in particolare nella capitale Costantinopoli, si modificò profondamente e ripetutamente nel corso dei secoli. Partiamo da un pò di storia.
Nonostante la caduta dell’Impero romano (nel 476 d.C.) sancì definitivamente l’ascesa dell’Impero d’oriente, nel 527 l’imperatore Giustiniano I cercò concretamente di riconquistare le regioni occidentali. Ne conseguì la creazione dell’Esarcato d’Italia, che aveva sede a Ravenna e che fu in seguito travolto dalle invasioni longobarde, lasciando alcune colonie in Emilia Romagna, Marche, Lazio, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.
Questo lungo preambolo è necessario per definire l’influenza del Cristianesimo sul costume bizantino, la sua espansione in Italia, e di seguito la sua influenza sull’arte e l’abbigliamento, che sfocerà in interessanti differenze regionali nel medioevo e perfino nel costume folkloristico.
In breve, le conquiste e la conoscenza di usanze totalmente diverse da quelle latine, avevano portato a una ridefinizione del costume.

moda-femminile-bizantina-affresco-costantino-e-elenaSe nelle fasi iniziali dell’Impero era ancora in uso la toga romana, al tempo di Giustiniano I (527-565) le classi più elevate la sostituirono con una tunica (per gli uomini) o con una stola (per le donne) coperte entrambe da un elaborato mantello di broccato.
Furono introdotte le maniche, di origine orientale; la donna, uniformandosi ai nuovi canoni estetici, divenne più sottile, con vesti accollate che coprivano il busto e un mantello leggero che ne proteggeva la pudicizia. Non estranei a questo fenomeno furono i discorsi dei primi apologeti e dei padri della chiesa. Mentre Tertulliano, nel De cultu foeminarum, aprì una diatriba sulla vanità femminile, nella convinzione che “la donna è la porta del Diavolo”, Sant’Ambrogio si scagliò contro le pietre preziose che orlavano le vesti, affermando che sarebbe stato meglio “levigare la durezza del cuore”. Né erano risparmiati gli uomini!

Alla base dell’arte bizantina tuttavia c’era il concetto metafisico della luce, la quale doveva essere emanata dal sovrano e dalla consorte. A tal scopo erano fondamentali i tessuti serici coi loro riflessi e bagliori.
Gran parte della superficie dell’abito era tempestata di perle e gemme, conferendo alla persona un aspetto del tutto innaturale. La luce doveva riflettersi sugli aurei ricami e sulle pietre preziose esattamente come sui mosaici dei muri. Immaginate che spesso l’abito perdeva il carattere di unità formale, scomponendosi in singole parti splendide.
La seta, tessuto perfetto per conferire luce al corpo, era stata importata fortunosamente dall’oriente: due monaci avevano infatti introdotto il bozzolo del baco nel cavo del loro bastone, e Giustiniano aveva dato il via ad un importante laboratorio manifatturiero annesso al suo palazzo e severamente protetto contro qualsiasi tentativo di spionaggio.

moda-femminile-bizantina-chiesa-s-vitale-ravenna-due-dame-del-seguito-di-teodoraDeterminante inoltre era l’uso del colore. La porpora, che poteva essere indossata solo dall’imperatore – detto Porfirogenito, ossia nato dalla porpora – era un colorante ottenuto da un mollusco gasteropode, che secerneva un liquido vischioso di colore violaceo, ma che poteva digradare dall’azzurro al rosso. La quantità di prodotto era minima e ci volevano migliaia di molluschi per tingere una veste: per questo motivo era rarissimo e molto costoso, e quindi adatto agli abiti di una divinità in terra.

Insomma, l’abito, per i bizantini, aveva una forte connotazione sociale. La manifattura di tessuti di seta e l’impiego della porpora erano monopoli di stato: solo gli altri funzionari potevano portare sete preziose e i tessuti più belli erano riservati ai membri della famiglia imperiale.

Nella seconda parte ci soffermeremo sull’imperatrice bizantina più famosa e sul suo abbigliamento: Teodora.

Potrebbero interessarti anche:
Moda femminile nell’antico Egitto
Moda femminile nell’Impero romano
Moda femminile nell’antica Grecia
Rose Bertin e la nascita della moda e della donna moderna
Moda femminile dal XII al XIII secolo

FONTI DELLE IMMAGINI:
http://it.wikipedia.org/wiki/Abbigliamento_bizantino
http://serena-ilsuospazio.blogspot.it/2011/05/mosaici-bizantini-basilica-di-san.html
http://commons.wikimedia.org/

di Monia De Tommaso

Annunci

12 pensieri su “Moda femminile nell’impero bizantino [Prima parte]

  1. Pingback: Moda contemporanea tra le donne romane [Prima puntata] | Storia della moda femminile

  2. Pingback: Moda contemporanea tra le donne romane [Seconda puntata] | Storia della moda femminile

  3. Pingback: Moda contemporanea tra le donne romane [Terza puntata] | Storia della moda femminile

  4. Pingback: La moda femminile nell’antico Egitto [Prima parte] | Storia della moda femminile

  5. Pingback: La moda femminile nell’antico Egitto [Seconda parte] | Storia della moda femminile

  6. Pingback: La moda femminile nell’antico Egitto [Terza parte] | Storia della moda femminile

  7. Pingback: La moda femminile nell’antico Egitto [Quarta parte] | Storia della moda femminile

  8. Pingback: Moda femminile nell’antica Grecia [Prima parte] | Storia della moda femminile

  9. Pingback: Moda femminile nell’antica Grecia [Seconda parte] | Storia della moda femminile

  10. Pingback: Moda femminile nell’antica Grecia [Terza parte] | Storia della moda femminile

  11. Pingback: Moda femminile nell’antica Grecia [Quarta parte] | Storia della moda femminile

  12. Pingback: Moda femminile nell’impero bizantino [Seconda parte] | Storia della moda femminile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...