La camera del bambino

La crescita normale di un bambino è legata a molti elementi che ne possono condizionare lo sviluppo negli anni successivi: in particolare l’ambiente in cui vive è un fattore indispensabile per garantire un giusto equilibrio psicofisico.

Un’attenzione particolare deve essere dedicata a due problemi, spesso sottovalutati: la temperatura e il grado di umidità della camera. Va infatti ricordato che il lattante soffre il freddo molto meno degli adulti: è quindi opportuno non superare mai una certa temperatura, che si aggira intorno ai 19-20° C. Le vie respiratorie del neonato inoltre sono particolarmente delicate: è importante quindi mantenere un giusto grado di umidità nell’aria.
Benchè alcuni genitori preferiscano che il bambino dorma nella loro camera fino ai sei mesi di vita, per tenerlo più sotto controllo, la soluzione ottimale sarebbe adibire una camera tutta per lui.

neonato
Perché è necessario uno spazio tutto per lui?

I bambini tanto più sono piccoli, tanto più devono sentirsi bene nello spazio (fisico e psicologico). Uno dei diritti di ogni essere umano, di qualsiasi età e condizione, dovrebbe essere quello di avere un luogo suo, un proprio spazio vitale; oltre ad un diritto, ciò è un’autentica necessità e questo vale anche per il neonato. Prima della nascita il suo spazio, la sua “cameretta” è il caldo e protettivo grembo materno, ma a nascita avvenuta dovrà avere uno spazio suo nella vostra casa. A questo punto però bisogna ricordare che lo spazio prescelto deve garantire determinati requisiti. Tra questi requisiti, che sono in realtà risposte alle necessità del bambino, c’è quello di facilitare l’esigenza di rapporto con gli altri membri della famiglia. Quindi non mettiamo tra lui e chi si occupa dei suoi bisogni una serie di porte chiuse: se piange dovrà essere udito.

Camera-neonato
È però sconsigliabile mettere il neonato nella camera degli eventuali fratellini, poiché potrebbe disturbare la tranquillità del sono di cui ogni bambino ha molto bisogno. Inoltre questo può acuire la normale gelosia del bambino più grande nei confronti del nuovo nato, con il quale si troverebbe a dividere, oltre all’attenzione dei genitori, anche il territorio che già considera suo spazio personale. Una soluzione che spesso viene adottata, ma che, se appena è possibile, dovrebbe essere evitata, è quella di far dormire il neonato nella camera dei genitori; in realtà non c’è motivo perché il bambino non possa dormire in una stanza da solo. Anche nei casi in cui il bambino ha un sonno agitato è ugualmente preferibile che sia uno dei genitori (magari a turno) ad andare in camera del bambino per controllare i motivi del pianto, piuttosto che adottare la soluzione di portarlo nel “lettone”, abitudine che sarà poi piuttosto difficile da modificare.

Un’altra esigenza di cui tener conto al momento in cui si organizza la cameretta del bambino è la necessità di rendere pratico e veloce il rispetto delle norme igieniche, il che in poche parole vuol dire scegliere materiali facilmente lavabili e strutture che non facilitino il depositarsi della polvere, come sopra accennato. A questo proposito andrebbe evitata la moquette che, pur presentando indiscutibili vantaggi nell’attutire le cadute e nell’impedire dispersione di calore, diventa facilmente ricettacolo di sporco e polvere; inconveniente che neppure il passaggio dell’aspirapolvere eseguito quotidianamente può del tutto ovviare. Sempre per questo motivo vanno evitati tappeti e tendaggi particolarmente elaborati.

neonato-camera
Un altro punto spesso malamente valutato è quello dell’ampiezza della zona da dedicare al bambino. Erroneamente si pensa che il neonato, essendo piccolo, necessita di poco spazio, invece, in proporzione, ha più bisogno di spazio di un adulto. Innanzi tutto perché il bambino, nello spazio destinato a lui, di solito vive gran parte della sua giornata e svolge molte delle sue funzioni (dormire, mangiare, fare il bagnetto, essere cambiato e pulito, ecc.); inoltre il neonato ha bisogno di avere molta aria intorno a sé. Quindi bisognerebbe fare in modo che si possa cambiare facilmente aria al luogo dove il bambino vive; ovviamente sono sconsigliabili stanze che abbiano scarse comunicazioni con l’esterno. La cura migliore sarebbe destinare al bambino la camera più ampia dell’appartamento. Questa stanza dovrebbe essere inoltre il più possibile luminosa (giacché la luce solare, a patto che non sia eccessivamente diretta, fa bene all’organismo umano fin dai primi momenti di vita), facilmente aerata e, possibilmente, lontana dai rumori del traffico poiché il rumore rappresenta un pericolo veramente temibile per il bambino piccolo.

Oltre a queste considerazioni, va tenuta presente l’importanza fondamentale di fornire al bambino uno spazio che sia stimolante anche dal punto di vista della crescita psicologica: quindi una zona ricca di colori (vanno eliminati i toni scuri o eccessivamente violenti prediligendo quelli chiari), di figure, di disegni, poster policromi, poiché questi stimoli contribuiscono, fin dai primi giorni di vita, a favorire lo sviluppo dei sensi e della personalità del neonato.

Potrebbero interessarti anche:

I primi giocattoli del bambino
La meravigliosa avventura dell’allattamento materno
Come tenere la casa in ordine senza stress

FONTI DELLE IMMAGINI:
http://www.nottefatata.com/it/camera-neonato.html
http://corsiprepartogenova.blogspot.it/
http://isolafelice.forumcommunity.net/?t=53017801
http://arredocucina.info/camerette-neonati/

di Monia De Tommaso

Annunci

2 pensieri su “La camera del bambino

  1. Pingback: Come tenere la casa in ordine e pulita senza stress | Storia della moda femminile

  2. Pingback: Il bambino nella camera dei genitori | Storia della moda femminile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...