Misofonia: conosciamola meglio per conoscerci

Come promesso, eccomi ad affrontare nuovamente la tematica della misofonia. A seguito dell’articolo precedente, diversi di voi hanno lasciato un commento, la propria testimonianza a cuore aperto mentre in molti mi hanno personalmente confidato di soffrire di questo disturbo e di non sapere cosa fare. Penso siano state dunque le vostre sincere reazioni a farmi prendere un’importante decisione: quella di continuare a scrivere su questa intolleranza e studiarla perchè insieme si possa trovare, se non una cura, qualcosa che attenui i sintomi.

Fatta questa premessa, in questo articolo darò informazioni in più non solo per “conoscere meglio il nemico”, ma anche perchè da casa vostra possiate riconoscervi e collocarvi in una categoria. Penso che conoscere se stessi sia il punto di partenza.misofonia-fastidio-per-i-suoni-dell-alimentazioneDunque, innanzi tutto benchè la parola misofonia significhi letteralmente “odio per i suoni” [dal greco μίσος (misos): avversione, odio, profondo disagio, e φωνή (foné): suono], questo disturbo non è una fobia in quanto ha una causa psicologica. Le persone che soffrono hanno una sensazione soggettiva di disagio o insoddisfazione con i certi suoni. La misofonia sembra essere una condizione e neurologica, e in questa va cercato il trattamento che può aiutare a superare i problemi psicologici e migliorare le terapie.

Prima di proseguire però bisogna fare delle distinzioni: siete sicuri di essere misofonici? Attenzione a disturbi similari:

  • Iperacusia: patologia provocata da un’alterazione cerebrale nell’elaborazione dei suoni che vengono avvertiti più acuti e più forti a cui pertanto si diventa intolleranti
  • Fonofobia: ovvero paura ossessiva verso il rumore. Diversamente dall’iperacusia, ha spesso cause psicologiche indotte da traumi sonori
  • Acufene (in inglese troverete la forma tinnitus, derivante dal latino): disturbo uditivo costituito da rumori (come fischi, ronzii, fruscii, pulsazioni ecc.) che l’orecchio percepisce come fastidiosi a tal punto da influire sulla qualità della vita del soggetto che ne è affetto.

misofonia-conosciamola-meglioScusate questa piccola digressione ma è bene essere sicuri di essere misofonici e non fonofobici, iperacusici o acufenici.
Ora, passiamo al secondo step. Ci sono diversi gradi di misofonia, e la gravità (almeno per il momento) può essere misurata attraverso la Scala di Attivazione della Misofonia, MAS-1 (Misophonia Activation Scale) in cui possiamo trovare 11 livelli. Alcuni misofonici potrebbero non manifestare necessariamente tutti o anche molti di questi comportamenti. Inoltre alcuni possono presentare sintomi in un ordine diverso (per esempio manifestare comportamenti conflittuali prima di quelli più cooperativi) ad ogni modo è attualmente l’unico strumento per ora esistente e disponibile ai pazienti per una auto-valutazione. Dunque abbiamo:

LIVELLO 0: La persona sente un suono scatenante conosciuto ma non avverte alcun disagio

LIVELLO 1: La persona misofonica è consapevole della presenza della persona che origina il rumore ma non sente disagio o lo avverte in minima quantità.

LIVELLO 2: Il suono scatenante provoca leggero disagio psichico, irritazione o fastidio. Nessun sintomo di panico o risposta con la rabbia o con la fuga.

LIVELLO 3: La persona misofonica sente aumentare i livelli di disagio psichico, ma non ha alcuna risposta fisica. Il malato può essere ipervigile agli stimoli audiovisivi.

LIVELLO 4: La persona misofonica è coinvolta con una minima risposta fisica non conflittuale, senza lottare in modo evidente contro i comportamenti che lo infastidiscono. Per esempio chiede alla persona di smettere di fare rumore, con discrezione si copre un orecchio o tranquillamente si allontana dal rumore. Nessun panico, fuga o sintomi di fuga particolarmente evidenti.

LIVELLO 5: La persona misofonica adotta meccanismi di adattamento più conflittuali, come il coprirsi apertamente  le orecchie, imitano la persona scatenante il problema, si impegna a ripetere altri suoni che sente (echolalia), o mostra una palese irritazione.

LIVELLO 6: La persona misofonica prova un notevole disagio psichico, sintomi di panico, e cominciano a presentarsi le prime risposte di rabbia o fuga.

LIVELLO 7: La persona misofonica sperimenta un notevole disagio psichico. Aumenta l’uso (più forte, più frequente) dei meccanismi di imitazioni conflittuali. Ci può essere persino un’eccitazione sessuale indesiderata. Il soggetto poi può riportare alla memoria il suono e gli spunti visivi scatenanti più e più volte, a volte per settimane, mesi o anche anni dopo l’evento.

LIVELLO 8: La persona misofonica prova un notevole disagio psichico. Ci sono anche alcune ideazioni e manifestazioni di violenza.

LIVELLO 9: Le reazioni di panico/rabbia sono in pieno svolgimento. Tuttavia c’è una decisione consapevole di non usare la violenza sulle persone scatenanti. C’è un’evidente fuga dal rumore scatenante e/o l’uso di violenza fisica su un oggetto inanimato. Panico, rabbia o grave irritazione possono manifestarsi nel comportamento dell’affetto.

LIVELLO 10: Uso effettivo della violenza fisica su una persona o animale (ad esempio, un animale domestico). La violenza può essere inflitta anche a se stesso (autolesionismo).

Cari lettori, vi riconoscete in alcuni di questi punti? Cosa ne pensate?
E lo studio sulla misofonia prosegue…

Hai letto il mio primo articolo su questa inolleranza ai suoni? Clicca qui per leggerlo.

Forse potrebbe interessarti anche questo articolo:
Perchè riusciamo a vedere una faccia in molti oggetti che ci circondano

FONTI DELLE IMMAGINI:
http://www.saludterapia.com/articulos/generales/a/1833-que-es-la-misofonia.html#axzz3RvTpl6Gi
http://www.culturamix.com/wp-content/gallery/quais-principais-sintomas-da-misofonia/
http://www.filhotedepombo.com/2011/06/10-estranhas-condicoes-mentais-parte-2.html

di Monia De Tommaso

Annunci

44 pensieri su “Misofonia: conosciamola meglio per conoscerci

  1. Pingback: Misofonia: intolleranza ai rumori della masticazione altrui | Storia della moda femminile

  2. Ciao, io purtroppo da piccolo ho riscontrato un trauma infantile 6-8 anni causa masticazione di un familiare, da allora la cosa è andata sempre peggiorando, guardando la scala dei livelli di misotomia posso riconoscere apertamente di essere un livello nove a volte a livello dieci. Vorrei tanto che a questa “malattia” ci fosse un rimedio o perlomeno una cura. Come detto precedentemente questo trauma è iniziato quando ero piccolo ed ora ho 25 anni.

    Mi piace

  3. Caro Marco, innanzi tutto ti ringrazio per la tua preziosa testimonianza. Venendo ora al problema, secondo le ricerche che sto facendo, molto spesso questa intolleranza é associata ad un trauma di tipo sonoro. Secondo diversi studi ci sono dei percorsi di riprogrammazione acustica e chiarisco cosa intendo: una delle cause di questo problema é l’associazione (anche inconscia) di un suono a qualcosa di negativo. Con questa terapia, si riprogramma la conoscenza dei pazienti riguardo ai suoni che provocano i sintomi di questo disturbo permettendo cosí di attenuare molto il problema. Essendo ancora in fase di studio non si conosce la cura specifica ma per ora i medici cercano di agire sui sintomi alleviando moltissimo i problemi dei pazienti.
    Spero di esserti stata utile. Mi impegno a portare avanti queste ricerche e di far sapere quanto prima altre informazioni sull’argomento.
    Restando disponibile per ulteriori chiarimenti, ti auguro una buona giornata.

    Mi piace

    • buongiorno,
      anche io come Marco ho cominciato a provare fastidio da quando, piccolissima, mangiavo vicino a mio padre che sorbiva la minestra rumorosamente e quando masticava gli schioccava l’articolazione temporo mandibolare, e da mia sorella che rumoreggiava con la lingua nei denti provocando uno schiocco acuto che mi faceva venire voglia di picchiarla, e ogni occasione era buona per farlo. Nel corso della mia vita, 55 anni,ho sempre evitato tutte le persone (anche simpaticissime fuori dai pasti) che provocano questo tipo di rumori,che per me sono insopportabili, (mi riconosco nella scala al livello 9. Trovo questo fastidio altamente invalidante, poichè mi costringe ad isolarmi sempre più, non trovando il coraggio di lamentarmi con gli estranei. Mi piacerebbe sapere se a Genova, dove abito, si può fare qualcosa che mi aiuti. Grazie per questi articoli interessanti che mi hanno aiutata a non classificarmi pazza dalle mie figlie!
      Rosangela

      Mi piace

      • Cara Rosangela, innanzi tutto ti ringrazio per il tuo commento e l’aver condiviso la tua esperienza con noi. Per quanto riguarda il medico a cui rivolgerti, per ora non so dirti nello specifico a chi rivolgerti a Genova ma posso consigliarti di consultare un otorinolaringoiatra di fiducia.
        Per ora non posso darti dettagli ma molto presto avvierò con dei collaboratori un sito internet dedicato a trovare se non la cura ma sicuramente delle soluzioni per ridurre i disturbi causati dalla Misofonia. Il nome del sito è http://www.misofonia.com (attualmente in allestimento) e vi riporteremo ricerche specialistiche, storie di successo, interviste a medici, video e contatti utili di riferimento. Attualmente sono attivi la pagina Facebook Misofonia.com ( https://www.facebook.com/pages/Misofoniacom/932292886803611 ), pagina collegata al sito sopra citato, e il gruppo (chiuso), sempre su Facebook, Coscienza Misofonica ( https://www.facebook.com/groups/821219264581335/ ) in cui potremo raccontare le nostre esperienze, i nostri provvedimenti e tenerci aggiornati. Puoi anche scriverci all’indirizzo misofonia.italia@gmail.com.
        Sperando di esserti stata utile, resto disponibile per qualsiasi chiarimento.
        Buona serata! 🙂

        Mi piace

  4. Pingback: Benvenuti in misofonia.com!! | misofonia

  5. Pingback: Benvenuti in misofonia.com!! | misofonia

  6. Io questi rumori non li sopporto da quando ero piccola a tavola mi venivano scatti di rabbia adesso cerco di controllarmi ma molte volte faccio finta magari di andare in bagno per non sentiree ho 20 anni adesso

    Mi piace

  7. io soffro di misofonia da quando avevo 10 ca. Penso di essere livello 5, il problema è che sento che peggioro sempre di più e mi sto preoccupando, ho paura di isolarmi completamente continuando così, ora ho 20 è sento il bisogno una cura! D: tenetemi aggiornati per favore !

    Mi piace

  8. Grazie a questo bellissimo articolo e quello precedente scoperto che e un disturbo pensavo che fossi stupida io mi rispecchio nel 5livello..grazie ancora di questo articolo..😁infatti..odio sentire mia madre e mio fratello masticare qualsiasi cosa tnt che li menerei..ma mi limito a chiederti le orecchie dicendogli che mi irritano.

    Mi piace

  9. Buongiorno, come la maggior parte di chi ha scritto, anche io credevo di essere il solo a patire questo genere di rumori. Oltre ai vari rumori che sento quando le persone mangiano ho difficoltà a restare concentrato su altro se sento battere sulla tastiera, aprire una lattina addirittura mi do fastidio da solo quando apro un pacchetto di patatine….incomicio ad essere sempre meno tollerante, non da arrivare ad essere violento però incomincio ad essere sempre più nervoso .

    Mi piace

  10. Caro Enrico, non sei solo! Secondo diverse ricerche soffrono di misofonia circa il 60% della popolazione totale. La buona notizia è la seguente: facendo delle ricerche approfondite abbiamo scoperto che ci sono delle terapie che sicuramente riducono l’intensità dei sintomi e delle quali parleremo nel nostro sito http://www.misofonia.com (attualmente in allestimento). In http://www.misofonia.com sarà possibile consultare ricerche mediche, interviste a medici e pazienti, storie di successo, video esplicativi e altro su questa intolleranza. Attualmente sono aperte: la pagina FB Misonofia.com ( https://www.facebook.com/pages/Misofoniacom/932292886803611 ), direttamente collegata al sito sopra citato e il gruppo (chiuso) Coscienza misofonica ( https://www.facebook.com/groups/821219264581335/ ) un luogo dove potremo continuare a parlare del problema e trovare soluzioni attraverso le nostre esperienze personali. Se vuoi, puoi scriverci su misofonia.italia@gmail.com .
    Spero di esserti stata utile. Ringraziandoti per aver lasciato un tuo commento restiamo disponibili per ulteriori chiarimenti. Buona serata! 🙂

    Mi piace

  11. Ciao mi chiamo claudia.
    Anke io trovo molto fastidioso il rumore quando qualcuno mastica accanto a me..
    mi capita di inervosirmi ed arrabbiarmi tanto quando il mio ragazzo mangia e sento quel rumore fastidioso..
    chiedo con gentilezza di mangiare a bocca chiusa ma smette per pocho secondo.., arrivo a tal punto di alzafmi dal tavolo e non mangiare più.
    O anke quando mi trovavo un pomeriggio dormendo mi trovo mia sorella che mangiava nel letto accanto e mi sono svegliata perché sentivo il rumore mentre lei masticava, mi è preso il mal di testa..
    Scusate per il poema ma per colpa di questo problema ho paura avvolte che dal fastidio del rumore mi arrabbio e potrebbe succedere davanti anche persone che potrei avere poca confidenza :/.. spero di avere una voatra risposta GRAZIE

    Mi piace

    • Ciao Claudia, grazie per aver lasciato il tuo commento. I sintomi di cui hai parlato sono tipici dei misofonici. Purtroppo una cura per questo disturbo non esiste tuttavia dei medici hanno trovato delle soluzioni per attenuarla notevolmente e che puntano alla riabilitazione uditivo-psicologica. Per venire incontro alla vostra giustissima esigenza di avere piú informazioni sull’argomento, io e dei miei collaboratori attiveremo a breve un sito dedicato alla misofonia: http://www.misofonia.com (attualmente in allestimento). Tuttavia abbiamo giá reso disponibili la pagina Facebook Misofonia.com (https://www.facebook.com/pages/Misofoniacom/932292886803611), collegata al sito sopra citato, e il gruppo (chiuso) Facebook Coscienza misofonica (https://www.facebook.com/groups/821219264581335/) in cui potremo confrontarci, parlare di come stiamo affrontando le cure e migliorare insieme. Inoltre é possibile scriverci su misofonia.italia@gmail.com per ulteriori chiarimenti.
      Sperando di esserti stata utile ti auguro una buona giornata 🙂

      Mi piace

  12. finalmente ho capito di cosa si tratta..io non so qual’è il momento preciso che ha scatenato la mia misofonia ma è stato molto prima dell’adolescenza. credo di essere ai massimi livelli ed anche il fatto dell’eccitazione sessuale legata a comportamenti o rumori odiosi comincia a trovare ora una spiegazione……

    Liked by 1 persona

    • Cara Elisa, sono contenta che questo articolo ti sia stato utile e ho una buona notizia per te. Io e dei miei collaboratori abbiamo deciso di dedicarci ad approfondire lo studio su questo disturbo e a diffonderlo a tutti voi. Abbiamo aperto il sito internet http://www.misofonia.com in cui riporteremo ricerche scientifiche, video, interviste, storie di successo e indirizzi utili per aiutare tutti coloro che hanno questa sensibilità ai suoni.
      Restando a disposizione per ulteriori informazioni (puoi scriverci anche su misofonia.italia@gmail.com) ti auguro una buona serata 🙂

      Mi piace

  13. Ciao, che scoperta ! Pensavo di essere io fuori di testa. Dai 12-13 anni non ho mai potuto sopportare mio padre a tavola (e nonni paterni con lo stesso tipo di masticazione “mostruosa”, almeno per me). Di fatto non è nulla di tremendo, me ne rendo conto (non bocca aperta nè suzioni particolarmente rumorose), solo una sorta di masticazione “spugnosa” e deglutizione rumorosa che mi mettono i brividi anche solo a descriverle… Questa mia intolleranza, formalmente ignorata dal parente, ha compromesso in buona parte i rapporti affettivi. Il fastidio mi portava a livelli di aggressività e di astio che nient’altro al mondo mi provoca! (per intenderci il gesso che stride sulla lavagna mi da fastidio, mi da i brividi, ma non mi suscita odio e rabbia!) Sto migliorando… ho 38 anni e riesco a controllarmi, ma non sempre… per riuscirci devo essere particolarmente serena o concentrata su altro. Ho un amico “rumoroso” a cui voglio molto bene: riesco a mangiare con lui con piacere, ma se sono già tesa per altre ragioni, quel rumore mi prende il cervello, non riesco a sentire altro! Mi indentifico in un livello 9 in via di miglioramento con un lavoro sullo scarico delle tensioni. Il discorso vale anche per il russare: in presenza di un russatore, anche lieve, il mio cervello si fissa su quel rumore e addio sonno (mi è capitato di non dormire per 3 notti di seguito, in presenza di un russatore ( una donna tra l’altro, in quell’occasione!). Tollero invece qualsiasi rumore se proviene dai miei cani e gatti (sgranocchiare, biascicare, russare). Forse perchè so a priori che loro non lo fanno apposta o non potrebbero evitare di farlo, cosa che invece gli umani, dal mio punto di vista, potrebbero!

    Liked by 1 persona

    • Cara Nadia, grazie per la tua testimonianza davvero interessante! No, non sei sola!! Si stima che circa il 60% della popolazione totale sia misofonica! Sai, io ho conosciuto questa sensibilità ai suoni grazie ad un familiare misofonico. Desiderosa di condividere con voi questa scoperta ho scritto il primo articolo su questo argomento e, ricevendo tantissime richieste di aiuto, ho preso a cuore la questione e insieme a dei collaboratori ho avviato il sito http://www.misofonia.com. Lì riporteremo tutti gli studi che riusciremo a trovare e cercheremo di trovare se non la soluzione al problema, quantomeno delle tecniche per ridurne gli effetti (e devo dire che secondo le mie ricerche ci sono delle notizie confortanti 🙂 ). Su Facebook abbiamo invece aperto la pagina omonima (Misofonia.com) e il gruppo chiuso (Coscienza misofonica) dove poter condividere le nostre esperienze e magari imparare qualcosa di più. Se volessi unirti a noi sarai la benvenuta!
      Restando a disposizione per qualsiasi chiarimento (abbiamo aperto un indirizzo mail apposito: misofonia.italia@gmail.com) ti auguro una buona serata 🙂

      Mi piace

      • È la prima volta che leggo qualcosa su questo argomento..non sapevo neppure che si chiamasse misofonia! Ho 29 anni e mi riconosco nei livelli dal 6 al 9, a seconda dei casi. Credo che la mia misofonia sia associata ad un parente stretto (nonna) per via della sua masticazione, ed è iniziata circa all’età di 8/9 anni. Oggi il maggior disagio si manifesta in presenza di parenti più stretti ( sarà per la confidenza?) e in misura minore con estranei. Nel momento in cui percepisco il disagio, la mia attenzione si focalizza sull oggetto che lo causa (quindi rumore di masticazione) e diventa davvero difficile cercare di distoglierne il pensiero. Ho notato anche di essere poco tollerante nei confronti dei suoni “alti”: voce alta, musica alta etc. C’è una correlazione?. Seguirò gli sviluppo dello studio e spero che la mia testimonianza possa essere utile a tal fine e resto a disposizione.
        Ps: nel livelli 7 si parla di una possibile eccitazione sessuale ma non ne comprendo il nesso, si potrebbe spiegare?

        Liked by 1 persona

  14. Pingback: Sintomi e cause scatenanti | Misofonia.com

  15. Cara Cristina, innanzi tutto vorrei ringraziarti per aver lasciato la tua testimonianza. Le persone misofoniche sono davvero numerose ma molto spesso non sanno d’esserlo quindi ogni vostra testimonianza è rincuorante per un altro misofonico che legge perchè si rende conto di non essere il solo. Hai chiesto se c’è una correlazione tra l’intolleranza ai suoni prodotti dalla masticazione e i suoni alti. Secondo i miei studi sull’argomento, credo si tratti più che altro di un’estensione della misofonia. Solitamente si inizia con uno-due suoni scatenanti ma poi può capitare che questi aumentino o si intensifichino. Nei livelli 7 si parla di una possibile eccitazione sessuale, è vero, nozione che si ritrova sulla Scala di Attivazione della Misofonia (MAS-1) di diversi siti stranieri che trattano questo disturbo. Nello specifico cara Cristina non ti saprei rispondere perchè non sono uno psicologo ma posso dare un mio parere. Io credo che sia proprio la sensazione di disagio ma soprattutto la repressione dell’io (in questo caso di fronte al suono scatenante) a causare l’eccitazione. Si sa che la reazione nervosa conseguente all’ascolto del suono di innesco è sbagliata e proibire se stessi a farla, per alcuni potrebbe essere eccitante. Ovviamente, ripeto, questo è il mio parere; benchè io mi stia informando molto sulla misofonia, non sono un medico quindi a questa domanda non posso darti una risposta certa. Ad ogni modo, con un gruppo di studio ho creato il primo sito internet sull’argomento: http://www.misofonia.com, dove riporto testimonianze, studi scientifici, video di esperti sull’argomento. Inoltre ho creato una pagina Facebook ufficiale chiamata Misofonia.com nonchè un gruppo chiuso (per il rispetto della privacy degli iscritti) chiamato Coscienza misofonica dove gli iscritti possono confrontarsi, farsi domande e cercare soluzioni al loro problema. Spero nel mio piccolo di aver risposto alle tue domande ma sei la benvenuta sul sito http://www.misofonia.com dove l’argomento è stato decisamente approfondito. Restando a disposizione per qualsiasi altro chiarimento ti auguro una buona giornata 🙂

    Mi piace

  16. Buongiorno, soffro anche io purtroppo di misofonia fin da quando ero ragazzino. Ho potuto scoprire solo oggi a 27 anni che è una vera e propria patologia eseguendo delle ricerche personali e auto diagnosticandomi di essere di livello 9. Credo sia un fatto scaturito fin dall’infanzia quando a causa di un singolo rumore quale il passarsi l’aria tra i denti in modo ripetuto con l’intento di pulirseli, di persone conoscenti, che nonostante le mie preghiere di smettere o di adoperarsi in luoghi appartati, invece continuavano imperterrito. Con il passare degli anni questo disturbo mi ha provocato rabbia al solo risentire tale rumore e si è ampliato aggiungendone altri come ‘il tirarsi su col naso”, il succhiare il brodo in modo ripetuto di commensali oppure il rumore di attrezzatura da lavoro come martelli pneumatici accesi ad intervalli. Spesso sfocia in rabbia con il bisogno di sfogarsi su oggetti rompendoli. Non mi crea alcun problema invece lo stridere del gesso sulla lavagna. Per molti può sembrare una stupidaggine che non riescono a comprendere o una pazzia, ma per me è una patologia frustrante per il buon esito relazionale.

    Liked by 1 persona

    • Caro Giuseppe, non è una sciocchezza, anzi! E’ un disturbo da non sottovalutare assolutamente perchè viene coinvolto il sistema nervoso! Io credo che riconoscere di avercelo è già un grande passo avanti; scrivo questo perchè in molti, come si devince dalle tue stesse parole, ce l’hanno per molti anni senza sapere di soffrirne. Sull’argomento, io e dei collaboratori, abbiamo aperto un sito internet (www.misofonia.com) dove pubblichiamo ricerche scientifiche, testimonianze, e tutto quanto riusciamo a trovare sull’argomento di cui purtroppo ancora non se ne parla abbastanza. Vienici a trovare anche su Facebook nel gruppo (chiuso) Coscienza misofonica oppure sulla pagina ufficiale Misofonia.com! Spero di poterti essere ancora utile. Ti ringrazio per aver lasciato la tua testimonianza e restando a disposizione per vari chiarimenti, ti auguro una buona serata. 🙂

      Mi piace

  17. Ciao a tutti!
    Io non saprei dire da quando ma sicuramente intorno ai 12-13anni, ho iniziato a infastidirmi dei rumori della masticazione.
    Inizialmente mi disturbavano e schifavano quelli prodotti dai miei genitori, poi con il tempo anche da tutti gli altri.
    Quando vado al cinema il mio terrore è di avere attorno gente che mangia e ogni volta sono lì pronta a cambiar posto con il mio fidanzato per poter allontanare il disturbo…il problema è che lo sento lo stesso e arriva quasi a far male alle orecchie…da un paio d’anni cominciano ad innervosirmi anche dei movimenti che vedo fare con la coda dell’occhio, tipo il movimento costante di un dito o il movimento (anche silenzioso) di una bocca.
    Mi sale il nervosismo e divento scontrosa e irascibile, a volte alzo la voce.
    Io non penso alla misofonia come un mio problema, ma credo proprio di doverlo accettare. Ma un altro problema sarà quello di farlo capire alle persone a me care, le quali non comprendono queste situazioni!
    Capita a volte che a tavola con i miei genitori io mi metta a imitare i suoni i “ciuppeghi” che emettono, lo “sgnac” delle bocche…mi viene rabbia (che controllo), fisso la persona con sguardo cattivo e mi sento dire di star calma e smetterla di fare la stupida.
    Ma so di non inventarmi perché è questo quello che sento…mi metto in un livello 5… Vorrei solo aver qualcuno che mi capisce e che mi stia vicino quando accade.
    Ah ho 23anni e lavoro nella sanità!

    Mi piace

    • Cara Kass, grazie della tua testimonianza. Credo di capire quello che provi e hai ragione, una delle cose più difficili sarà far sì che le persone che ci sono attorno ti capiscano. Purtroppo di questo disturbo si parla così poco che diventa complicato per le persone credere che esista. Tuttavia il passo davvero difficile, ovvero la consapevolezza di essere misofonica, l’hai fatto. Il resto vedrai che col tempo si risolverà. Ho iniziato lo studio sulla misofonia per caso e interessandomene sempre più ho aperto un sito (con dei collaboratori), il primo sito italiano, sull’argomento. Si chiama http://www.misofonia.com e puoi darci un’occhiata o mostrarlo a chi ti è vicino per dimostrare che la misofonia esiste davvero! Vi abbiamo riportato testimonianze, studi scientifici e storie di successo. Inoltre puoi venirci a trovare anche sulla pagina Facebook ufficiale chiamata Misofonia.com e sul gruppo (chiuso, per la privacy degli iscritti) Coscienza misofonica. Grazie ancora per aver lasciato la tua testimonianza e buona serata!

      Mi piace

  18. Leggendo i vari livelli, mi sono resa conto che questo “disturbo’ sta migliorando con gli anni. Mi spiego…fino a un paio di anni fa credo, ero al livello 5: non sopportavo la masticazione dei miei genitori, mi coprivo le orecchie, li riprendevo per come mangiavano e facevo fatica a mangiare insieme a loro. Ora mi riconosco più nel livello 3, anche se potrebbe anche essere dovuto dal fatto che mangio in compagnia di persone diverse. Però non mi è chiara una cosa: non dovrei provare disagio verso chiunque mastichi vicino a me? Perché alcune persone mi danno più fastidio di altre? Dipende dal loro modo di masticare o dal modo in cui lo percepisco io?

    Mi piace

    • Cara Roberta, secondo quanto ho capito da diversi studi fatti sull’argomento, alcune persone infastidiscono di più perchè ricordano maggiormente la persona o la fonte sonora che è all’origine del disturbo. Se per esempio all’origine del trauma sonoro (che molto spesso è alla base della misofonia) c’è nostro padre, c’è un’alta probabilità che le persone che infastidiscano (almeno inizialmente) siano uomini o quanto meno che ci ricordano (nell’aspetto, nel suono prodotto, nei modi di fare, nel modo in cui li percepiamo) nostro padre. Dipende quindi da entrambi i fattori: sia dalla loro somiglianza alla fonte del disturbo che dalla nostra percezione. Spero di esserti stata utile. Ti invito a visitare il sito http://www.misofonia.com (sulla pagina facebook Misofonia.com e nel gruppo chiuso Coscienza misofonica), il primo sito aperto in Italia sulla misofonia e che raccoglie tutti gli studi medici, indirizzi utili ed esperienze personali sul questa intolleranza ai suoni. Buona lettura e buona giornata! ^_^

      Mi piace

  19. vorrei dire la mia…. ho 44 anni e soffro per alcuni rumori da quando ero bambina. Avevo problemi sia a casa che a scuola ed adesso con alcuni colleghi. Mi danno fastidio rumori tipo: masticazione rumorosa, tirare su con il naso, il ticchettio della penna, chi fischia o canta a bassa voce. Con gli anni ho imparato a controllare i miei scatti d’ira ma dentro di me credo di morire. Ho un figlio di 13 anni con lo stesso problema da quando ne ha 8, e spesso ha attacchi di violenza contro me e mio marito. A 9 anni ha seguito una terapia con una psicologa ma dopo un anno non abbiamo risolto il problema, anzi ha peggiorato.

    Mi piace

    • Cara Raffaella, con alcuni collaboratori ho aperto un sito totalmente dedicato all’argomento (così poco trattato in Italia) e che si chiama http://www.misofonia.com. Su Facebook inoltre puoi trovare la pagina ufficiale chiamata Misofonia.com e il gruppo chiuso Coscienza misofonica, dove gli iscritti possono confrontarsi, fare domande e leggere gli articoli del sito ufficiale (e riportati sulla pagina Misofonia.com). Vienici a trovare!

      Mi piace

  20. Ho iniziato anch’io alla fine delle medie ,non riesco a sopportarlo,non riuscivo a studiare se mio papà eta nella stessa stanza che mangia. Suziona il cibo,mastica producendo rumore perché non solleva il palato,ma impasta con la lingua e poi dulcis in fundo le pulizie dei denti. Io da piccola mi avvolgevo la testa con le braccia

    Liked by 1 persona

    • Cara Mary, effettivamente l’età dell’inizio di questo tipo di disturbo va mediamente dagli 8 ai 15 anni. La misofonia legata ai rumori della masticazione è più frequente ma ci sono anche altre tipologie di suoni scatenanti come quelli generati dal ticchettìo di orologi, dal contatto del metallo con la ceramica, e via dicendo. Sull’argomento se ne sa poco e si scrive ancora meno, così io e dei collaboratori abbiamo deciso di aprire un sito internet dedicato all’argomento e che si chiama http://www.misofonia.com. Inoltre abbiamo creato una pagina Facebook (Misofonia.com) ufficiale e un gruppo chiuso chiamato Coscienza misofonica, dove gli iscritti possono confrontarsi e dire la loro sull’argomento. Vienici a trovare! ^-^

      Mi piace

  21. Salve ho 16 anni e soffro di questo disturbo da circa 3-4 anni: le mie reazioni vanno dal livello 4 al 10 e coinvolgono solo una stretta cerchia di situazioni che riguardano quasi esclusivamente il mio ambiente familiare: odio i rumori prodotti dalla mia famiglia sostanzialmente, con un’ intensita’ che varia in base allo stato che ho in quel momento, e concentrandosi su una persona in particolare per occasione. A volte mi irritano anche i suoni prodotti dalla mia professoressa di inglese, ma credo che questo succeda perche’ lei ha l’abitudine di succhiare le stesse caramelle che mia madre consuma spesso; altri fattori scatenanti per me sono, anche se non sempre, le lappate del mio cane mentre beve o si lava, il tono di voce alto di mia madre e mia sorella, e il suono del violino, strumento che suono per studio da circa 6 anni (a volte mi e’ molto difficile fare la pratica quotidiana). Presento molto spesso (fortunatamente) sintomi a livelli accettabili, ma se tesa gia’ pr altri motivi (anche inconsciamente) non sono capace di controllarmi e mangio il piu’ velocemente possibile per allontanrmo dalla cucina per mordermi le braccia o le mani il piu’ forte possibile, calciare o sbattere porte, lanciare o rompere oggetti, dire insulti e bestemmie tra i denti o accendere e rivolgere verso di me il phon, oltre a provare una specie di calore interno che non so se riconoscere come eccitazione sessuale (mai avuto alcun tipo di esperienze, neanche un bacio). Non odio la mia famiglia a casa si respira sempre un’atmosfera tesa e opprimente ,che percepiscono tutti, anche contraendo piccoli disturbi ( per esempio come me mio fratello ha l’ossessione del phon), a causa di mio padre , che paradossalmente e’ quello che mi da meno fastidio quando mangia, benche’ a detta di mia madre sia molto rumoroso. Ho anche attacchi di panico e giorni interi di apatia, ma mai fuori da casa mia, dove invece sono molto attiva. Mi sento molto frustrata perche’ per me’ e’ necessario tornare a casa ogni giorno, ma mi e’ impossibile stare bene ogni volta che mi ci trovo e quindi fare qualcosa di concreto ( studiare per esempio). Ho divafato un po’ ma era un peso che avevo addosso da tempi, grazie della comprensione.

    Mi piace

    • Cara Elisabetta, grazie per averci scritto. Possiamo solo immaginare quanto possa essere difficile avere una sensibilità come questa, così tanto diffusa e così poco conosciuta. Ti invitiamo a iscriverti nel nostro gruppo (chiuso) Coscienza misofonica, dove gli iscritti possono confrontarsi, fare domande, sfogarsi, e perchè no? Magari togliersi dubbi in merito. Non mollare!

      Mi piace

  22. Ciao mi chiamo giampaolo e ogni volta che mi siedo a tavola con mia moglie e miei figli ,incomincia il mio disturbo,mi da fastidio sentire masticare,risucchiato le minestre .però il mio disagio nasce da quando ero piccolo ,mio padre anche lui infastidito dai rumori ,si sfogava su di noi,allora da quando sono piccolo per paura di nn farlo arrabbiare facevo caso a nn far rumore ,ma ora sono diventato infastidito dai rumori a tavola,nn a livelli suoi,aumento la tv e concentro su di essa e nn sento più, anche quando dormo mi da fastidio il russare degli altri avvolte sento pure il mio è mi sveglio……spero che davvero che ci siano metodi per sconcentrarmi. ..
    per ora grazie

    Mi piace

    • Caro Giampaolo, grazie per averci scritto. Purtroppo ancora non ci sono delle cure definitive e risolutive, però la ricerca sta lavorando per trovarle. Nel frattempo condivideremo più articoli possibili sull’argomento, affinchè l’informazione ci sia sempre. Restando a disposizione ti auguriamo una buona giornata 🙂

      Mi piace

    • Vorrei inoltre segnalarti il primo sito internet in Italia sull’argomento, che ho creato e gestisco con dei collaboratori e che si chiama http://www.misofonia.com .
      Abbiamo inoltre creato una pagina Facebook ufficiale chiamata Misofonia.com e un gruppo chiuso chiamato Coscienza misofonica, dove gli utenti possono confrontarsi, chiedere informazioni e consigli sulla sensibilità ai suoni.
      Vieni a trovarci! Buona serata!

      Mi piace

  23. Buongiorno Monia mi chiamo Sara e ho 31 anni. Non so se la mia insofferenza a certi suoni può essere definita misofonia, ma da 3-4 anni a questa parte non sopporto i suoni ripetuti. Per ripetuti intendo una canzone che ripete la stessa parola o frase, un bambino che ripete ossessivamente una parola, o chiunque dica una frase che contenga la stessa parola più volte. Per farti un esempio, mio figlio di 11 anni a colazione ha esclamato “Mamma sto mangiando una brioche al cioccolato, farcita di cioccolato immersa nel latte col cioccolato” Il mio umore 10 secondi prima sereno e tranquillo, e improvvisamente mutato e mi sono dovuta alzare e allontanarmi dal tavolo per evitare di aggredirlo verbalmente tanto che mi sono innervosita. Oppure il mio nipotino di 4 anni tende a ripetere la stessa frase molte volte di seguito finchè non gli si presta attenzione tipo “mamma mi dai l’acqua? mamma mi dai l’acqua? mamma mi dai l’acqua?” Io impazzisco dentro e stento a controllarmi perchè so che non me la posso prendere con un bambino.
    Non trovo nulla in internet relativo all’intolleranza ai suoni ripetuti. I rumori mi danno fastidio nel limite del normale. Se mio figlio o mio marito masticano con la bocca aperta, mi limito a sgridarli per questione di buona educazione più che di intolleranza al suono.
    Grazie in anticipo se mi risponderai!

    Mi piace

    • Cara Sara, grazie d’averci scritto! Purtroppo anche nel tuo caso si può parlare di misofonia, la cui reazione sarebbe innescata dall’ecolalia (ovvero ripetizione, anche involontaria, di suoni). Quello che posso dirti è che per diffondere la conoscenza della misofonia, ho creato il primo sito internet italiano sull’argomento http://www.misofonia.com e lo gestisco con dei collaboratori. Inoltre ho aperto una pagina Facebook ufficiale, Misofonia.com, e un gruppo chiuso, Coscienza misofonica (sempre su Facebook), dove gli iscritti possono parlare della loro esperienza e confrontarsi.
      Spero tu possa trovare utile la mia risposta.
      Grazie ancora d’averci scritto e buona giornata!

      Mi piace

  24. Buonasera,leggendo queste parole ho capito di non essere una mosca bianca,e che invece questo disturbo è abbastanza comune… Per quello che riesco a ricordare,i primi segnali risalgono a quando avevo circa otto anni,quando cioè dovevo subire i rumori di un tizio vicino di casa che faceva rumori allucinanti con la dentiera,anche in condizioni di riposo,non a tavola…ora ho 33 anni,e nella scala prospettata sopra oscillo tra 5/6 e 9,a seconda del livello di stress di base…diciamo che molto spesso provo una morsa allo frequentemente e un’ira tremenda,e per sfogarmi prendo a calci porte,tavoli,sedie…oggi pomeriggio ero con il mio compagno,e ho dovuto prima spararmi la musica nelle orecchie con le cuffie a tutto volume,e poi visto che stavo andando fuori di me ho dovuto lasciare la stanza di corsa…a volte è davvero pesante questa situazione,ed ho paura per le reazioni che potrei avere…mi domando se altri comportamenti che ho (chiamiamole fisse?) tipo controllare sempre il gas,o contare le parole e le lettere,o evitare le fughe delle mattonelle ecc possano avere una qualche attinenza…esiste un centro che possa essere di supporto nel centro Italia?grazie tante

    Mi piace

    • Cara lettrice, grazie d’avermi scritto. Hai ragione, la misofonia davvero diffusa e, purtroppo, di quanto si creda. Io e dei miei collaboratori abbiamo creato il primo sito Internet in Italia sull’argomento e lì, nella sezione Indirizzi utili, potrai trovare (spero) risposte alla tua domanda. Il sito si chiama http://www.misofonia.com . Inoltre abbiamo aperto la sua pagina ufficiale su Facebook (Misofonia.com) e un gruppo chiuso (Coscienza misofonica), dove gli utenti possono confrontarsi, raccontarsi, e trovare delle risposte alle loro domande. Spero esserti stata utile con la mia risposta. Restando a disposizione ti auguro una buona giornata ^_^

      Mi piace

  25. Ho 18 anni e credo di essere Misofonica. Questo è il motivo per qui mi ritrovo su questa pagina. I miei rumori/suoni piu fastidiosi sono: una coppia sbaccichiarsi; qualcuno che si pulisce i denti con la lingua; le persone che masticano, specialmente a bocca aperta; quinque russa la notte anche solo molto leggermente (non prenderei sonno) i bambini che piangono/urlano/gridano o dicono parole ripetute continuamente; le persone che parlano a telefono PER ORE per esempio se mi trovo in bus oppure mia madre quando sono in casa; starnuti continui e ripetitivi; la tosse ripetitiva; il naso che cola e tirano su comtinuamente e anche soffiarselo col fazzoletto ripetute volte; certi tipi di respiri pesanti e continui; mi danno fastidio alcuni movimemti anche alla vista tipo: scuotere la testa continuamente; far tremare la gamba no stop; toccarsi i capelli continamente; e non sono sicura se ho finito , forse ce ne potrebbero essere altri ma questi sono pricipalmente e la causa, ovvero i sintomi a qui io reagisco sempre allo stesso modo : comincio a innervosirmi, crco di evitare ascoltando musica se non basta guardo altrove, se mi trovo a casa comincio a correre in stanza e mi chiudo sbattendo la porta, mi provoca tutto cio un nervoso intrattenibile.

    Mi piace

    • Ciao Alessia, grazie d’aver lasciato la tua testimonianza. La misofonia è un disturbo davvero antico, sottovalutato e sempre più in espansione. Purtroppo è poco conosciuto e con dei colleghi ho deciso di aprire un sito totalmente a lui dedicato: http://www.misofonia.com. Su Facebook inoltre puoi trovare la pagina ufficiale del sito e un gruppo chiuso chiamato Coscienza misofonica, dove gli utenti raccontano la propria esperienza e si cerca di trovare, se non la soluzione, almeno dei modi per attenuare questa sensibilità ai suoni. Vienici pure a trovare, ti aspettiamo! ^_^

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...