Moda e arte, fusion sorprendente

Da sempre le arti si influenzano tra loro, scambiandosi immagini, forme, concetti e idee.
Sulle passerelle moda e arte contemporanea hanno creato una fusion sorprendente. Gli stilisti sembrano essere d’accordo nel renderla protagonista e a trasformare la passerella, non solo in una collezione di abiti ma in una vera e propria galleria d’arte.

Ricordiamo Elsa Schiaparelli che ripropose sui suoi abiti la famosa aragosta di Salvador Dalì, posta sul suo Telefono Aragosta. Il famoso surrealista fu di ispirazione anche per la spagnola Ágatha Ruiz de la Prada che lo citò con l’abito a cassetti e con gli occhi enormi posti sulle teste delle modelle. Il surrealismo fu coniugato alla pop art più colorata.

moda-e-arte-salvador-dalì
Uno degli artisti più gettonati e rilanciati dal mondo della moda e Andy Warhol: Pepe Jeans London ne ha citato la banana, realizzata per il gruppo rock dei Velvet Underground per la copertina del loro primo album, nonché la celebre scatola di zuppa Campbell. Anche Versace ha attinto dalla sua arte pop per creare il coloratissimo tailleur corto con la Marilyn serigrafata dell’artista.

moda-e-arte-andy-warhol
Il sodalizio tra moda e arte sembra essere stato fatto anche da Yves Saint Laurent che per diverse sue creazioni si è ispirato alla pittura moderna e contemporanea. La geometria di Piet Mondrian, il cubismo di Pablo Picasso (riprodotto su una cappa, come vediamo in foto), l’astrattismo di Henry Matisse che rivoluzionò il colore, i celebri nudi pop e i volti di donna del pittore americano Tom Wesselmann. È chiaro: lo stilista francese ha attinto dall’arte che amava di più aggiudicandosi il premio come lo stilista più colto della moda.

moda-e-arte-Yves-Saint-Laurent(1)moda-e-arte-Yves-Saint-Laurent(2)
Alexander McQueen, il brand orfano del suo creatore, ha fatto diverse citazioni inaspettate e rare dal mondo dell’arte: ha cucito i pezzi del Giardino delle delizie di Hieronymus Bosch, uno degli artisti più visionari dell’arte del passato, e ha portato in passerella quella che sembra essere la realizzazione del vestito della nobildonna del dipinto di Hugo Van der Goes.

moda-e-arte-Alexander-McQueen
Passiamo ora a un brand gestito da due giovani americane, le sorelle Mulleavy di Rodarte, che hanno deciso di rivolgere lo sguardo al passato creando una collezione tutta ispirata al pittore olandese per eccellenza, Vincent Van Gogh. In foto è possibile apprezzare la Notte stellata fedelmente riprodotta su un vestito da sera corto e i Girasoli declinati su abiti diversi.

moda-e-arte-van-gogh-e-rodarte (3)
Per Jil Sander, il designer Raf Simons ha riportato sulle maglie i disegni presenti su dei vasi di Pablo Picasso, che si rifacevano alla tradizione africana facendo riacquistare loro una plasticità morbida e dinamica, grazie al tessuto e al corpo che li indossa. Per stupire ancora il brand ha fatto sfilare un vestito ispirato al puntinismo di George Seurat. Incredibili idee per dare vita all’arte.

moda-e-arte-Jil-Sander
Sportmax, uno dei brand più amati del gruppo Max Mara, ha scelto le Ninfee di Monet per decorare uno splendido completo estivo. I leggeri tocchi di colori del maestro dell’Impressionismo sono così finiti su camicie smanicate e shorts. Il risultato è di una freschezza romantica. E non solo! In scena sono state le fantasie e i colori anche di Pollock e Boccioni.

moda-e-arte-Sportmax
Fausto Puglisi, che già abbiamo visto riproporre lo stile antico Egitto nella moda contemporanea, sorprende ancora realizzando creazioni ispiratesi alle forme geometriche di Mavelich.

moda-e-arte-Fausto-Puglisi
Ultimo ma non ultimo Antonio Marras che si ispira a due altri esponenti dell’arte moderno-contemporanea: Morlotti e El Lissitzky.

moda-e-arte-Antonio-Marras
Tra le pieghe del vestito, oggi in passerella ci sono i tratti da pittore. Una vera e propria sfilata nella sfilata. E mai come quest’anno le sfilate si sono sposate con la pittura.

Continuate questo interessante viaggio nel mondo della moda e dell’arte guardando il prossimo slideshow!

Questo slideshow richiede JavaScript.

E voi, qual è l’opera d’arte da indossare che preferite?

Per chi ama la tridimensionalità allora non può perdersi l’articolo sulla moda e la tecnologia 3D e perchè non trasferire le opere d’arte sulle palpebre? Guardate il talento di Tal Peleg, non crederete ai vostri occhi! Gli ombretti non vi sconfifferano e siete più per i rossetti? Allora ragazza sappiate che c’è un articolo anche per voi sul lip painting!

FONTE DELLE IMMAGINI:
http://www.alfemminile.com/tendenze-moda/moda-ispirata-all-arte-d50845c590357.html
http://www.iodonna.it/moda/sfilate/sfilate-donna-ai-2014-15/tendenza-arte-quadri-sfilate-2015-401925353809.shtml

di Monia De Tommaso

Annunci

Un pensiero su “Moda e arte, fusion sorprendente

  1. Pingback: La moda ispirata alla natura | Storia della moda femminile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...