Come motivare un bambino a fare i compiti

Tutti siamo stati bambini e come tali ci ricorderemo quando arrivava il momento di fare i compiti. Avremmo preferito uscire a giocare con i nostri coetanei, invece ci toccava stare chiusi in casa a fare i compiti per il giorno dopo. I nostri genitori si arrabbiavano spesso con noi perché non volevamo studiare, magari ci privavano del nostro “gioco” preferito se non facevamo il nostro dovere. Adesso che siamo cresciuti ci troviamo dalla parte del genitore e le cose diventano più difficili. Se il bambino non è motivato a studiare non dovete preoccuparvi, da bambini non siamo quasi mai motivati a fare qualcosa se non giocare. Vediamo allora come motivare un bambino a fare i compiti.

come-motivare-un-bambino-a-fare-i-compiti

 

 

 

 

 

Dopo una giornata di scuola, il bambino sarà stanco e quindi dovrete avvicinarlo ai compiti in modo divertente. Ricordate al vostro bambino il detto “prima il dovere e poi il piacere”! Una volta che il bambino avrà finito i suoi compiti elogiatelo, questo è molto importante. I compiti del bambino potrebbero essere anche un motivo per avvicinarvi l’ un l’ altro. Se avete del tempo a disposizione, infatti, potrete svolgere insieme al piccolo le lezioni. In questo modo il bambino sentirà meno fatica. Una volta che il bambino avrà finito le sue lezioni potrete uscire insieme a fare una passeggiata o potrete fare un gioco insieme!

fare-i-compiti

 

 

 

 

 

 

 

L’ambiente di studio è molto importante, accertatevi che quest’ ultimo sia ben illuminato. Dovrà essere il bambino a scegliere il suo posto per studiare. Le distrazioni dallo studio possono essere tante, (ad esempio la televisione, il computer, la musica), cercate quindi di minimizzarle al massimo. Dopo un’ ora di studio date al bambino la possibilità di fare una sosta di circa 30 minuti nella quale il bambino potrà giocare, fare merenda e distrarsi.

motivare-i-bambini-a-fare-i-compiti

Se disponete di un piccolo giardino, potrete far studiare vostro figlio all’ aperto. È più salutare e divertente! Non dovrete commettere l’ errore di fare i compiti voi al posto del vostro bambino. Standogli accanto, dovrete solo assicurarvi che svolga le lezioni in modo adeguato correggendolo quando sbaglia e spiegandogli passaggi poco chiari o parole nuove. I risultati a scuola sono importanti ma non sono tutto! Quando un bambino prende un brutto voto non dovrete sgridarlo o punirlo, ma semplicemente incoraggiarlo a fare di meglio. L’importante è infatti che il bambino si impegni al massimo.

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
E’ pronto per la scuola materna?
I bambini e l’età delle domande
I bambini e il gioco: espressione e controllo dei propri sentimenti

FONTI DELLE IMMAGINI:
la rete 🙂

di Monia De Tommaso

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...